Impianto Multiservizi

NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI
la legge 164/2014 obbliga l’uso della FIBRA OTTICA negli impianti residenziali di nuova costruzione o in ristrutturazione generale:

“Tutti gli edifici di nuova costruzione, per i quali le domande di autorizzazione edilizia sono presentate dopo il 1° luglio 2015 devono essere equipaggiati con un’infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio. Costituita da adeguati spazi installativi e da impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete. Lo stesso obbligo si applica, a decorrere dal 1° luglio 2015, in caso di opere che richiedano il rilascio di un permesso di costruire ai sensi dell’articolo 10, comma 1, lettera c)
(interventi di ristrutturazione edilizia che comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o mutamenti della destinazione d’uso)”.

OPPORTUNITÀ È CONVENIENZA
impianto multi La realizzazione di un impianto multiservizi è la risposta tecnologica ed efficace alla moltitudine di impianti di telecomunicazioni presenti nelle nostre abitazioni: TV terrestre o satellitare, telefonia, internet, citofoni, videosorveglianza, reti dati locali del condominio (magari utilizzate proprio per il sistema di videosorveglianza o da citofoni IP con comunicazione verso i nostri smartphone).
L’evoluzione di questi servizi è necessariamente quella di integrarsi tra di loro formando un sistema la cui funzionalità è maggiore della somma delle funzionalità delle sue parti a costi che possono essere molto più contenuti.

STRUTTURA
L'impianto centralizzato multi servizio è costituito da un'infrastruttura in fibra ottica capace di ospitare tutti i servizi citati, ed è da subito pronta a dare supporto agli ampliamenti tecnologici dei prossimi anni. Si basa su un centro stella ottico per ogni edificio che verrà ospitato in un locale tecnico, da cui partono tutti i cavi in fibra ottica che raggiungono direttamente le singole abitazioni (appartamenti).

Le fibre utilizzate per questo tipo d'impianto sono contenute in dei microcavi che ne contengono numerose. Ogni singola fibra ottica può essere dedicata ad un diverso tipo di servizio arrivando a collegare l'abitazione con 8 tipologie impianti in fibra ottica con lo stesso cavo. In questo modo si ottiene effettivamente un impianto corrispondente alla tecnologia FTTH (Fiber To The Home) capace di interfacciare la nostra abitazione a banda ultra larga.

COLLEGAMENTO A INTERNET E TUTTI I SUIO SERVIZI
Attualmente gli ISP (Internet Service Provvider) a causa delle difficoltà di cablaggio degli edifici stanno ricorrendo quasi sempre alle soluzioni FTTC (Fiber To The Cabinet) che si limita a fornire la connessione in fibra ottica solo fino al cabinet presente in strada, da quel punto in poi la connessione è fornita sul vecchio doppino in rame. Questo tipo di connessione è palesemente una restrizione che impedisce all'utente di sfruttare a pieno le potenzialità della fibra ottica, in quanto il limite è dettato dalla tratta in rame.

Inoltre il centro stella realizzato sarà compatibile con i ripartitori ottici utilizzati della maggior parte degli internet service provider (ISP), capaci di fornire connessioni ad alta velocità (100, 300, 1000 Mbps) direttamente nelle singole abitazioni. Un’altra caratteristica molto importante è quella che gli operatori non dovranno più intervenire sugli impianti interni all’edificio ma semplicemente collegarsi a quello centralizzato, ad alte prestazioni.

SVILUPPI AGGIUNTIVI
La grande quantità di fibre ottiche presenti nei microcavi rende l'impianto già predisposto per ogni impianto di telecomunicazioni che si vorrà aggiungere in futuro ai servizi del condominio, servizi che grazie alle nuove tecnologie nei campi dell'internet of things, smart grid, smart building ed home automation sono destinati ad aumentare.

A partire dal cuore di questo impianto sarà possibile possibile effettuare anche un cablaggio in fibra ottica delle parti comuni dell'edificio per poterle connettere ai servizi del condominio rendendo disponibile ad esempio una connettività Wireless alla rete LAN condominiale.

REALIZZAZIONE
Questo tipo d'impianto è perfetto per le nuove costruzioni che devono seguire le ultime normative come la legge 164/2014, ma può essere realizzato anche per ristrutturazioni e in vecchi edifici grazie alle piccole dimensioni dei cavi in fibra ottica e alla possibilità di inserire i cavi nelle tubazioni dell'energia elettrica, in quanto i cavi impiegati non conducono l'elettricità.

Non è necessario affrontare da subito tutta la spesa della transizione di tutti gli impianti dalla tecnologia tradizionale a quella in fibra ottica, ma sarà possibile farlo successivamente aggiungendo i vari servizi nell'infrastruttura unica multi servizio già predisposta.

Per quanto riguarda la parte della distribuzione televisiva, l'installazione all'interno dell'appartamento risulterà analoga a quella di un impianto TV in fibra ottica dedicato alla sola distribuzione TV con la differenza che saranno disponibili anche altre fibre ottiche per la connessione degli altri impianti.